Sulla nuova Destra. Itinerario di un intellettuale atipico

Edito da Vallecchi, 2003
432 pagine, € 24,00
ISBN 9788884270559

di Pierre-André Taguieff

Quarta di copertina

Ecco finalmente in italiano il libro del politologo Taguieff sulla Nouvelle Droite e sul suo leader indiscusso, Alain de Benoist. La ricerca, punto di riferimento fondamentale per chiunque intenda affrontare lo studio di questo tema, si articola su più livelli e si presta a diverse prospettive di lettura. È innanzitutto un'analisi del binomio indissolubile Grece - Alain de Benoist, condotta ponendo l'accento sulle rotture e sui rimaneggiamenti dottrinali, sulle importanti variazioni del rapporto con il contesto politico, sulle trasformazioni dei pubblici interessati e mobilitati. Dal 1968 al 1993, il cambiamento delle posizioni del Grece (Groupement de recherche et d'études pour la civilisation européenne) appare, infatti, sorprendente: dalla difesa della "civiltà occidentale" alla denuncia dell'"occidentalismo", dal biologismo al "culturalismo", dall'elogio dell'ineguaglianza al culto della differenza, dall'imperativo di "difendere i valori fondamentali della nostra civiltà" alla "nuova alleanza" Europa - Terzo mondo.

La prima sintesi ideologica diffusa dal Grece e da "Nouvelle Ecole", tra il 1968 e il 1972, pone l'accento sull'ineguaglianza e sul determinismo genetico: il nemico principale è qui ovviamente il movimento comunista. Tra il 1972 e il 1979 fa la sua comparsa una nuova formulazione dottrinaria, basata sull'antiegualitarismo e sul paganesimo europeista: un neoaristocraticismo "nietzscheano" si articola bene o male con un "antirazzismo" differenzialista e con una dottrina "scientifica" dell'identità culturale, a partire da un'integrazione dei lavori di Georges Dumézil. Un culturalismo di destra, quindi, il cui principale avversario diventa l'egualitarismo di origine monoteista. Tra la fine degli anni settanta e la metà degli anni ottanta, si assiste infine a un'ultima torsione ideologica, che ruota intorno al terzomondismo differenzialista, al postmodernismo "di destra" e alla riscoperta del "sacro" come fondamento dell'identità europea "profonda". Su tutto domina la difesa del radicamento, il rispetto assoluto delle differenze contro "i promotori di una perdizione dell'umanità", coloro che incarnano cioè il condominio americano-sovietico. La Nuova Destra si presenta come il partito della diversità e della tolleranza contro quello dell'uniformità imperiale e della deculturazione dei popoli. Il nemico principale si sposta ancora una volta, assumendo un volto inatteso, quello dell'America, dell'occidentalismo, dell'atlantismo.

Come fronteggiare, dunque, un movimento che non ha mai smesso di trasformare pensieri elaborati a sinistra, ripensandoli a modo suo? A questo problema Taguieff dedica una parte significativa del libro, prendendo le distanze dall'approccio demonizzante adottato nelle campagne delegittimanti della sinistra francese, incentrate sulla "nazificazione" del Grece e di de Benoist. Il confronto con la Nuova Destra deve, al contrario, fondarsi - come sostenne per primo Raymond Aron - non sull'anatema, ma sulla "risposta intellettuale". Come quella esemplificata, in queste stesse pagine, da Taguieff, il quale, proprio a partire dalla necessità di rispondere al culturalismo di de Benoist, perviene alla formulazione di quel concetto di "neorazzismo differenzialista", ormai entrato nella cassetta degli attrezzi di storici e sociologi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

È in Sudafrica: «Voglio tornare». Aiutò Giannettini e Pozzan dopo Piazza Fontana e diede un dossier a Pecorelli
Maletti e gli anni delle stragi. Niente grazia al generale 007
Il no di Napolitano. Due condanne ma nessun giorno in cella
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 29/05/2009
Giornata della memoria, il Quirinale include Giorgiana Masi
Vittime del terrorismo, la lista del Colle
Per la prima volta si celebrano tutti i caduti degli anni di piombo. Il ricordo in un volume
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 09/05/2008
L'intervista. Il magistrato di piazza Fontana: ora serve una riconciliazione
«Impunità per i protagonisti che sveleranno i misteri»
Il giudice Salvini: sì a una commissione con giuristi e storici

News in archivio

Incendiata anche la bandiera e la corona che ricorda il militante di Autonomia ucciso dai Nar 27 anni fa. Scoperto l'atto di vandalismo dall'anziana madre: "Un gesto vigliacco". Marrazzo: "Enorme inci
Roma, fuoco alla lapide di Verbano. Veltroni: "Bisogna evitare il clima di odio"
su La Repubblica del 19/05/2007
Pizzinato: errore dare la basilica. La Russa: discriminazione
Terrorismo nero, morto Azzi. Messa in Sant’Ambrogio: è lite
su Corriere della Sera del 12/01/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0