Da Il Velino del 11/04/2006

Moby Prince: dopo 15 anni ancora nessun colpevole

di Roberto Bortone

Roma - Sono passati 15 anni da quella notte tra il 10 e l’11 aprile del 1991, quando il traghetto della compagnia Navarma Moby Prince andò a collidere con la super-petroliera Agip Abruzzo, ancorata al largo del porto di Livorno. Nebbia improvvisa, mancata segnalazione della posizione da parte della petroliera, radar non funzionante, guasto meccanico del timone al momento della virata. Tante le ipotesi formulate in quei giorni per spiegare una evento così tragico: 140 morti, un solo superstite. “C’è ancora gente a bordo! C’è ancora gente!”, il giovane mozzo Alessio Bertrand continua a ripetere la stessa frase mentre i soccorritori lo sollevano sul rimorchiatore che lo ha ripescato davanti al Moby Prince in fiamme. È in stato di shock. Non sa ancora di essere l’unico sopravvissuto del traghetto. Non sa ancora che i suoi amici, i suoi compagni di lavoro e tutti i passeggeri sono morti, arsi vivi dalle fiamme o uccisi dalle esalazioni tossiche dell’incendio.

Bertrand era al suo primo imbarco quel 10 di aprile. Le attività portuali a Livorno procedevano normalmente: alcune navi stazionavano alla fonda, tra cui quattro navi militarizzate degli Stati Uniti di ritorno dal Golfo; la super-petroliera Agip Abruzzo si stagliava all’imboccatura della rada con i suoi 35 metri di altezza, le bettoline e i rimorchiatori effettuavano le solite manovre all’interno del porto mentre il traghetto Prince della linea Moby partiva alle 22 in punto con il suo carico umano diretto in Sardegna. Altri venti minuti di normalità assoluta, poi l’inferno. Alle 22.25 un flebile segnale di May Day partito dalla sala radio del Moby Prince in collisione accese la miccia della più grande sciagura marittima della storia italiana in tempo di pace.

A dispetto degli anni trascorsi e dei tre processi celebrati, la dinamica degli eventi non è ancora chiara: l’ipotesi più probabile è che la petroliera Agip Abruzzo venne avvolta da un banco di nebbia fittissima pochi minuti prima del passaggio del traghetto Moby Prince il cui radar non era funzionante oppure non utilizzato nell’uscire dal Porto. Una imbarcazione in transito obbligò Ugo Chessa, capitano del Moby a cambiare improvvisamente rotta; la velocità elevata, un possibile guasto al timone e la visibilità ridotta a zero fecero il resto. Nell’impatto la prua del Moby si conficcò nel tank numero 7 della petroliera e iniziò ad imbarcare greggio dal portellone del garage lasciato incautamente aperto. Lo sfregamento delle lamiere provocò la scintilla. L’incendio iniziò a divorare velocemente lo scafo lasciando tuttavia il tempo ai passeggeri di indossare il giubbotto salvagente e di radunarsi all’interno del Salone De Lux, protetto dalle porte taglia-fuoco. I soccorsi coordinati dalla Capitaneria di Porto raggiunsero in pochi minuti la petroliera in fiamme. Il Moby Prince invece, con i motori ancora accesi, si avviò alla deriva nella sua odissea mortale. Venne raggiunto solo tre ore dopo.

Tre processi, di cui uno per depistaggio a carico di un tecnico della Navarma, non sono serviti ad accertare la verità e ad individuare un colpevole. Lo stato indecente del traghetto, verificato in sede processuale insieme alla negligenza del comandante dell’Agip nel segnalare acusticamente la petroliera coperta dalla nebbia, non furono mai sufficientemente provati. Una discussa sentenza di assoluzione ha chiuso per sempre il capitolo giudiziario della vicenda mentre i familiari delle vittime, uniti nel Comitato “140” continuano a tenere viva la memoria dei loro cari.

Altri articoli in archivio


Moby, navi fantasma la sera della tragedia
L’avvocato: «Ripartiamo dagli scarichi illegali di armi degli americani»
di Emiliano Liuzzi su Messaggero Veneto del 13/10/2006
Il procuratore di Livorno: «Un pool per le indagini»
Una strage avvolta da troppi misteri
di Piero Mannironi su La Nuova Sardegna del 11/10/2006
Tra i nuovi spunti di indagine anche lo scandaglio dei fondali marini
Moby Prince, 5 foto per riaprire le indagini
A 11 anni dalla tragedia al largo di Livorno che fece 140 vittime, annunciata l'istanza di riapertura dell'inchiesta
di AA.VV. su Corriere della Sera del 10/10/2006
L'ultimo numero de L'Europeo è dedicato alle stragi impunite
Gli impuniti. Perchè le tragedie italiane restano senza colpevole
Vajont, Cermis, Porto Marghera, Moby Prince, Ustica, Stazione di Bologna, Portella della Ginestra, Seveso
di Roberto Bortone su mondoacolori.org del 31/03/2006
Esclusivo: un libro svela il mistero del traghetto incendiato
Moby Prince, l'altra verità

Documenti


28 ottobre 2006, Livorno: M/T Moby Prince. Uno spettacolo per non dimenticare
Discorso di Loris Rispoli al termine della rappresentazione teatrale
Presidente dell'associazione familiari delle vittime "140"
Moby Prince, nuove indagini per la tragedia nel porto di Livorno
Una lettera del Presidente dell'Associazione dei familiari delle vittime "140"

Download


è necessario essere utenti registrati
Il testo integrale dell'istanza presentata l'11/10/2006 dall'avvocato Carlo Palermo, difensore di parte civile del figlio dell'ammiraglio Chessa, il pilota del traghetto deceduto nella tragedia.
è necessario essere utenti registrati

Libri consigliati


di Elisabetta Arrighi edito da Valenti ed Allegranti - Pisa, 1993
di Enrico Fedrighini edito da Paoline Editoriale Libri, 2005

Sullo stesso argomento

News in archivio

Misterioso episodio a Marina di Pisa, che giunge poche settimane dopo la riapertura dell'inchiesta sul disastro del traghetto, che provocò 140 morti. L'uomo picchiato e chiuso nell'auto in fiamme
Moby Prince, aggredito consulente tecnico
L'avvocato Palermo, che assiste alcune famiglie delle vittime: "Segnali preoccupanti che però mostrano che siamo sulla strada giusta". Ma il pm invita a una "grande cautela"
su La Repubblica del 19/11/2007
Navi militari la possibile causa della sciagura del Moby Prince
Scritto da Paolo Cordova per disinformazione.it
su mondoacolori.org del 27/06/2007
L'assessre Bertolucci alla cerimonia di Livorno: "La Regione non abbassa la guardia e lavora per la sicurezza in mare".
MOBY PRINCE 16 ANNI DOPO: IMPEGNO PER LA VERITA
Fonte: ViaRoma100.net
su mondoacolori.org del 11/04/2007
 
Cos'� Archivio900?
�Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato golpe (e che in realt� � una serie di golpes istituitasi a sistema di protezione del potere)�... [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Dossier
Finestre sul '900 italiano
Biblioteca
• Emeroteca
• Mediateca
Indice dei nomi
Indice delle sigle
Elenco delle fonti
Notizie dalla storia
• Cronologia '900
Citazioni
• Parole chiave '900
Directory degli articoli
News
Download area
Link
Collabora con noi
Notizie dalla storia
Notizie dalla storia
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0